News

on 19 Maggio 2020

in Comunicati Stampa

CONFINDUSTRIA NAUTICA si attiva a livello internazionale per l’apertura delle frontiere

CONFINDUSTRIA NAUTICA si attiva a livello internazionale per l’apertura delle frontiere

Nota Stampa

CONFINDUSTRIA NAUTICA HA INCONTRATO IN UNA VIDEOCONFERENZA ORGANIZZATA DA EBI (European Boating Industry), L’AMBASCIATORE PERMANENTE AGGIUNTO D’ITALIA PRESSO L’UE A BRUXELLES 

NAVIGAZIONE  E TURISMO NAUTICO NECESSITANO DI FRONTIERE APERTE PER LE PERSONE E PER LE FORNITURE

Nel pomeriggio di ieri, lunedì 18 maggio, il Vice Presidente di Confindustria Nautica, Past President e membro del Consiglio di EBI, Piero Formenti, ha preso parte a una videoconferenza con l’Ambasciatore Michele Quaroni, Rappresentante Permanente Aggiunto d’Italia presso l’Unione Europea a Bruxelles, organizzata dalla federazione europea EBI – European Boating Industry.

La riunione, che segue altri incontri virtuali di EBI con i principali decisori dell’UE, era mirata a descrivere la situazione e le criticità attuali dell’industria nautica italiana ed europea col fine di far adottare misure concrete di livello europeo che sostengano le aziende della filiera. Le Rappresentanze Permanenti – responsabili in particolare del mercato interno, del turismo e della politica industriale dell’Unione Europea – hanno un ruolo cruciale nel processo decisionale dell’UE e sono diventate molto rilevanti nell’attuale fase di risposta alla crisi in quanto sono di fatto l’unico organo che si riunisce ancora di persona e non virtualmente.

Rappresentando le caratteristiche fondamentali per la navigazione e per il turismo nautico che necessitano di frontiere aperte per le persone e le forniture, sono state elencate le possibili misure di supporto dell’industria nautica europea a livello UE. 

Nel breve termine: confini aperti per le catene di fornitura e la consegna delle imbarcazioni, l’attuazione del Pacchetto Turismo dell’UE in tutti i Paesi, con la piena apertura della nautica, delle infrastrutture e l’abolizione delle restrizioni alle frontiere, un fondo europeo di garanzia del turismo, che includa le attività del comparto nautico. 

Nel medio termine: inclusione dell’industria nautica nel Fondo europeo per la ripresa industriale per sostenere il calo del livello degli investimenti e il sostegno finanziario dell’UE per una campagna di promozione del turismo nautico intracomunitario/domestico. È stata inoltre sottolineata la contrarietà dell’Italia a schemi nazionali, come i corridoi turistici tra alcuni Paesi e regole di quarantena non coordinate.

L’Amb. Quaroni ha assicurato il proprio impegno, ben comprendendo che l’imminente stagione estiva è più che mai cruciale per il settore nautico in Italia, colpito molto duramente dal lockdown: sottolineando che la classificazione a basso rischio delle attività nautiche – ottenuta da Confindustria Nautica – non può che giovare a una ripresa delle attività, che vanno pertanto sostenute immediatamente, e che L’Italia e la Rappresentanza Permanente stanno lavorando duramente per evitare corridoi turistici affinché l’abolizione della quarantena dal 3 giugno sia un elemento importante per la ripresa. 

A livello generale la risposta iniziale dell’UE alla crisi è consistita nella sospensione delle misure di stabilità e crescita e nell’attuazione di un quadro temporaneo di aiuti di Stato; altre novità, come lo strumento della Banca europea per gli investimenti di 250 miliardi di euro in prestiti per le PMI, lo strumento SURE a sostegno dei programmi nazionali di lavoro a breve termine e la nuova proposta del QFP (bilancio a lungo termine dell’UE) e la proposta per il Fondo di recupero, saranno pubblicati il 27 maggio.

All’incontro sono intervenuti:

  • Amb. Michele Quaroni (Deputy Permanent Representative of Italy to the EU)
  • Stefano Pisotti (Competitiveness coordinator, Permanent Representation of Italy to the EU)
  • Gioconda Miele (Air and Maritime Transport Attaché, Permanent Representation of Italy to the EU)
  • Giuliana Del Papa (Transports, Energy, Agrifish, Health Coordinator, Permanent Representation of Italy to the EU)
  • Piero Formenti (Past-President & Council Member, EBI & Vice Presidente Confindustria Nautica)
  • Stefano Pagani Isnardi (Resp. Ufficio Studi Confindustria Nautica)
  • Philip Easthill (Secretary-General, European Boating Industry)

Questo sito si avvale di cookie , se desideri avere ulteriori informazioni o negarne il consenso all'uso di tutti o solo di alcuni di questi consulta nella nostra Privacy Policy la parte relativa ai Cookie. Si ricorda che chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo nella navigazione, si acconsente all’uso dei cookie. Maggiori informazioni